MAMMA MIA DAMMI CENTO LIRE
canto derivante dall’innesto del tema dell’emigrazione verso “la Merica” sulla precedente ballata d’amore, “A Türin a la Rösa bianca” (*), raccolta dal Sinigaglia sulle colline Torinesi prima che il flusso migratorio, che portò migliaia di piemontesi oltre l’oceano, facesse nascere questo nuova e più praticata versione

A Türin a la Rösa bianca
j’è na fija da maridé (2volte)
E sua mare ch’a la pentèña
cun an pentu d’or e d’argent
E so pare ch’a la sürìa
cun la piüma del pavun bianc
Mama mia feme nen tan bela
che gli amanti mi ruberan
Mamma mia dammi cento lire
che in America voglio andar
Cento lire io te le do
ma in America no e poi no
Fratellino dalla finestra
mama mia laséla ‘ndé
Pena giunto fu in mezzo al mare
bastimento l’è sperfundà
Pescatore che peschi il pesce
va a pescare la mia Rusin
La tua figlia l’è andata a fondo
mai più al mondo ritornerà


A Torino alla Rosa Bianca c’é una ragazza da sposare
E sua madre la pettina con un pettine d’oro e d’argento
E suo papà la accarezza con la piuma del pavone bianco
Mamma mia non fatemi troppo bella che gli amanti mi ruberanno
Mamma mia dammi cento lire che in America voglio andar
Cento lire io te le do ma in America no e poi no
Fratellino dalla finestra mamma mia lasciatela andare
Appena giunto fu in mezzo al mare il bastimento è sprofondato
Pescatore che peschi il pesce vai a pescare la mia Rosina
La tua figlia è andata a fondo mai più al mondo ritornerà




Torna all'elenco di PARTONO GLI EMIGRANTI
 
Info:
cantovivo@cantovivo.com - ita.cesa@immagina.net
+39 3358006846 / +39 3472777515

Martedì 7 Dicembre 2021