PRINSI RAIMUND

Prinsi Raimund a s'vòl maridé dama gentila se chiél voi spusee
L ' é pa ncur 'n 'an ca l'é maridé o che la guéra ai tuca già 'ndé
Fait a sté ca so fratelin perché i guemeisa l so bel fiulin
Fait a sté ca so fratelin perché i guemeisa l so bel fiulin
O se vi dico dama gentil vuréisi fémi l'amur a mi
O no no no o prinsi 'd Liun mi i fas par tort a mio mari
Prinsi d Liùn va da l'anduradur per fesi fé dui anelun
Dui anelun e dui anelin cumpagn ad cui 'd la Mariunsìn

Prinsi Raimund l'à vist a venir o che nuvoli 'm purtevi a mi
Buni per mi e grami per vui la vostra dama l'a fami l amur

La mia dama l'è dama d'unur l'avrà pà favi l'amur a vui
La mia dama l'è dama d'unur l'avrà pà favi l'amur a vui

O ma sei basta nén ad mi guardé-i si i vost dui anelin
Dui anelin e dui anelun cumpagn ad cui 'd la Mariunsun

Prinsi Raimund munta a cavai sensa la séla ai mancava i stivai
E tantu fort cum lu fasìa 'ndé i peri d'la vita i fasta tremé

La sua marna ca l'era al balcùn l'à vist al prinsi cl'auniva a Liùn
O se vi dico dama gentil andèi 'ncuntr'a vostro mari

Ma cus i avróni da presente o presentéi ‘l so fiulin bel
Ma cus i avróni da presente o presentéi ‘l so fiulin bel

A l'à piàlu per man e per pé giù dai scale a l'à falu vulé
O pian pian pian o sur cavaier perché 'm masévi ‘l me fiulin bel

O se vi dico dama gentil pudevi 'ncura rinvenir
O no no no o sur cavaiér vui iéi masami ‘l me fiulin bel

Campémi giù la mia spà e cula là dal pùgn andrà
Quand a l'à avu la sua spà o se 'ntel cór a s'lelu pianta

Per una lengua chi ò scutà mi a l'è in tre nui bisogna muri
Per una lengua chi ò scutà mi a l’è in tre nui bisogna mur

Principe Raimondo si vuole maritare / dama gentile si vuole sposare / non é ancora un anno che é maritato / che alla guerra gli tocca già andare / Fa stare a casa il suo fratellino / che gli custodisca il suo bel figliolino / "Se vi dico dama gentile / vo rreste fare l'amore con me?" / "Oh no no no principe di Lione / non faccio questo torto a mio marito" /Princie di Lione va dall'orefice / per farsi fare due anelloni / due anelloni due anellini / uguali a quelli della Mariunsin / Principe Raimondo l'ha visto venire / "Che notizie mi portate?" / "Buone per me e cattive per voi / la vostra dama mi ha fatto l'amore" / "La mia dama é dama d'onore / non avrà fatto l'amore con voi"/ "Se non vi basto io /guardateli qui i vostri due anellini / due anellini due anelloni/proprio come quelli della Mariunsun" / Principe Raimondo monta a cavallo / senza la sella e senza gli stivali / e tanto forte lo faceva andare / che le pietre della città faceva tremare / La sua mamma che era al balcone / ha visto il principe che veniva a Lione / "Se vi dico dama gentile / andate incontro a vostro marito" / "Ma cosa gli avrò da presentare?" / "Presentategli il suo figliolino bello" /L'ha preso per mani e piedi / giù dalle scale l'ha fatto volare / "Piano piano piano signor cavaliere / perché ammazzate il mio figliolino bello?" / "Taci taci o dama gentile / che altrettanto farò dite" / Ha legato la dama gentile / alla coda del cavallo grigione / e tanto forte lo faceva andare / che le pietre della città faceva tremare / "Oh ma già che devo morire / prendetevi la chiave del vostro cofanetto" / E nell'aprire quel bel cofanetto / pefino i gioielli facevano "din din" / "Se vi dico dama gentile / potete ancora rinvenire" / "Oh no no no signor cavaliere / voi mi avete ammazzato il mio figliolino bella" / "Buttatemi giù la mia spada / quella dall'impugnatura dorata" / Quando ha avuto la sua spada / nel cuore se l'é piantata / "Per una malalingua che ho ascoltato / in tre dobbiamo morire"




Torna all'elenco di DONATA PINTI
 
Info:
cantovivo@cantovivo.com - ita.cesa@immagina.net
+39 3358006846 / +39 3472777515

Martedì 7 Dicembre 2021