BARBAGAL
di Alberto Cesa - ispirato a una filastrocca di origine anglosassone

Barbagal l ndit lera ancra nit
DILIDIN DON DILIDON POURA MI
Cul bunt an sji l munt a cavl
DILIDIN DON DILIDON POURA MI

E FOLLI FOLLA FOLLERO
E FOLLERO LLERO LLI
O BUN OM BARBAGAL POUROM
DILIDIN DON DILIDON POURA MI

Cun le brie crte e cul pintn n man
A criva a tta forsa sun n rabadn

A guardlu curi cuma fsa n rat
A gnaulvu i can a baulvu i gat

Sl ciuch la nit a fasa n ciadl
A criva fort i sun mi l p bl

Quandi che l Munvis a l l capl
O cha fa brt o cha fa bl

Barbagal andato era ancora notte / col berretto sugli occhi montato a cavallo /
con i calzoni corti e col bottiglione in mano / gridava a tutta forza sono un rabadn (buono a nulla ecc.) /
a guardarlo correre come fosse un topo / miagolavano i cani abbaiavano i gatti /
sul campanile la notte faceva un gran chiasso / gridava forte "sono io il pi bello" /
quando il Monviso ha il cappello (di nuvole) / o far brutto o far bello





Torna all'elenco di FOLK TRADIZIONALE
 
Info:
cantovivo@cantovivo.com - ita.cesa@immagina.net
+39 3358006846 / +39 3472777515

Gioved 4 Giugno 2020